martedì 6 marzo 2012

Birrbante, ecco il nuovo brewpub che apre a Bari

La notizia era nell'aria da qualche mese, ma nessuna traccia sicura ne aveva dato ancora l'annuncio.
Neppure adesso compare questa notizia a lettere cubitali in giro, ma in qualche modo i più hanno saputo. Ho saputo solo di qualche cartellone pubblicitario enigmatico attaccato in giro per Bari, ma personalmente non l'ho mai visto.

Di cosa parlo?
A Bari si apre un nuovo brewpub. In effetti mancava qualcosa del genere proprio a Bari, e personalmente non dubitavo passasse ancora molto tempo prima che qualcuno si buttasse nell'impresa di richiamare i baresi al bancone.

Il brewpub si chiama Birrbante. Dal sito web non compare molto, solo la data di apertura al pubblico, cioè il giovedì 8 marzo. Non penso di sbagliare a definirlo il primo brewpub aperto in città.
Sui contatti facebook, invece, grazie anche al nostro gruppo di homebrewers baresi, ho letto dell'evento di inaugurazione, che si terrà domani mercoledì 7 marzo.
Qualche dettaglio in più finalmente trapela proprio sulla pagina dell'evento, dall'annuncio «Eccezionale evento, "Birra Leone d'oro" cambia casa».
E' bastata questa conferma per ufficializzare i rumors che, appunto, il brewpub Leone d'oro, di sede nella vicina Britritto (BA), avesse a che fare con questo nuovo locale barese che, sulla carta, è il primo brewpub di Bari (fatto di per se sconcertante).


Non c'è, però, grande entusiasmo intorno a questa notizia. Questo perchè il Leone d'oro, attivo ormai presso lo stabilimento che porta il nome di Birrificio del Levante da circa 5 anni, è anche noto per il suo metodo di produzione con estratti di malto (più semplice e meno performante) invece che con solo malto in grani. Non è mia intenzione, con ciò, demonizzare questo aspetto, ma c'è da dire che esso solitamente porrebbe alcuni interrogativi riguardanti la qualità del prodotto finale.
Per cui ora bisognerà scoprire se la filosofia di Leone d'oro sarà la stessa a caratterizzare le birre del nuovo brewpub Birrbante, o se il cambiamento di location ha anche comportato un diverso approccio alla birra da loro prodotta. In realtà non darei neppure per scontato che l'impianto si sia spostato da Bitritto a Bari, in quanto Birrbante potrebbe essere semplicemente un nuovo locale di mescita relativo al medesimo Birrificio del Levante.

Per togliersi il dubbio direi che un salto domani per l'inaugurazione si possa fare.
Nel bene o nel male, rappresenta anche un importante momento per la città di Bari.
Una cosa, ormai, è certa: la città di Bari è finalmente in fermento e l'interesse verso la birra artigianale sta crescendo a vista d'occhio.

Chi berrà vedrà!

Cheers!

4 commenti:

  1. La trepidante attesa covata fino a questo momento, si tramuta improvvisamente in un inconsolabile sgomento!!!

    Guglielmo IV di Baviera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino avevi visto questi famosi manifesti o avessi alte aspettative.
      Ad ogni modo, almeno qualche assaggio è non può che schiarire le idee.

      Elimina
    2. Quando nell'ormai lontano 23 aprile del 1516, in quel di Ingolstadt, apposi la mia firma in calce al famoso "Reinheitsgebot", tuttora apprezzato in tutto il mondo, disposi molto chiaramente che acqua, orzo e luppolo dovessero essere i soli ingredienti per brassare la birra.
      Ovviamente quando parlo di orzo, facevo e faccio esclusivo riferimento al cereale in grani e non a suoi improbabili e improponibili "estratti".
      Ricordo che ai miei tempi, i birrai rei di aver "contaminato" la loro birra con ingredienti non ammessi, venivano sanzionati con la confisca delle loro botti, senza indennizzo alcuno.
      Oggi, "mutatis mutandis", mi limito ad auspicare semplicemente il precoce fallimento del "Birrbante", qualora i metodi produttivi non dovessero essere conformi alla definizione di birra artigianale di qualità.

      Guglielmo IV di Baviera

      Elimina
    3. Guglielmo, spetta anche ai consumatori ed agli appassionati fare informazione e spiegare i vari modi in cui è possibile ottenere una birra, ed i diversi risultati in termini di qualità.
      Sicuramente se ci fosse anche in Italia l'Editto di purezza "Reinheitsgebot" molti birrifici non potrebbero esistere.
      Vedremo che piega prenderà Birrbante...mi auguro che la birra di qualità, quella vera, si imponga anche su Bari.

      Elimina