domenica 27 novembre 2016

Novità da I Peuceti, Ebers e Bilabì

Di tanto in tanto occorre una rinfrescata sulle novità birrarie che più rapidamente riesco ad intercettare.
Chiaramente mi riferisco alle nuove proposte da parte dei birrifici pugliesi, che forse si stanno più diligentemente concentrando sulla diffusione ad un pubblico sempre maggiore e distribuito invece che al clamore mediatico.
Tuttavia occorre anche quest'ultimo aspetto per aumentare pubblico ed interesse, ed ecco che spunta qualche bella novità.


Partiamo dal Birrificio I Peuceti, che a giorni metterà sul mercato una birra che non sappiamo ancora se classificarla come one shot o birra che entra stabilmente nella gamma.


È la Zaraffo, Imperial Stout da 10%alc., che con il nome immagino voglia richiamare storia e geografia dello stile con "zar" e, allo stesso tempo contestualizzarlo localmente con un'espressione, "zaraffo" appunto, tipica di un personaggio poco gentile, rude e spesso anche amante della birra.
Sono state impiegate spezie nella sua produzione, e nello specifico cannella, scorza di mandarini locali (spiazza un po' l'etichetta che non presenta tra le voci "spezie").
La birra viene descritta dal birrificio con un aroma caratterizzato da esteri, con frutti rossi sotto spirito che si integrano con un intenso aroma tostato e maltato con un leggero aroma di lupolo. Il sapore è di uva passa, caffè forte e liquirizia.

Altra novità che esordisce a giorni è la The Kick, birra realizzata dal foggiano Ebers. Siamo sempre in territorio di alta gradazione alcolica, trattandosi di una Belgian Strong Golden Ale.



Il nome è un tributo alla tradizione tipica dello stile, che ha come capostipite un esempio come la Duvel, dal nome diabolico appunto. Quel calcio è riferito a quello che l'arcangelo Michele (il cui culto nel Gargano è molto sentito) diede al diavolo, secondo la tradizione cristiana.


La birra l'ho bevuta e mi ha stupito per i ricchi toni di frutta a polpa gialla e per il finale con amaro e secchezza in chirurgico equilibrio.
Mano belga quasi perfetta...una vera sorpresa.

Ultima novità, al momento, è la birra prodotta dal brewpub di Bari, Bilabì. Stavolta il birraio Lucio si è dedicato ad una saison di 5,5%alc. Si chiama Buonasera e viene descritta come birra caratterizzata da un bouquet piacevolmente floreale, che si distingue per il suo tono fruttato alla prima boccata, virando poi su sentori di frutta rossa e melograno.


In attesa di berle (e parlarne magari sui canali social), direi che non mancano spunti per verificare il progresso di questi birrifici.
Ci sarebbe da parlare - e tanto - anche dei tanti nuovi birrifici e beer firm ultimamente affacciatisi sul mercato, ma questo merita dei post separati.

Cheers!

Nessun commento:

Posta un commento